..: utente non registrato

animandoclub
username:
password:
hai dimenticato la password?
registrati ad animando Club

ricerca nel sito
cerca
 
 
www.andytimes.com
 
news « indietro
sabato 27 ottobre 2007
Roby Seccamani: Metodo di “Teoria e Armonia” indirizzato allo studio della musica moderna
di Emilio

Presentazione dell'opera completa
 
Nella stesura di questo metodo ho cercato di affrontare gli argomenti nel modo più semplice e rapido possibile, utilizzando come traccia il metodo in uso nelle principali scuole di musica moderna degli Stati Uniti d’America dove la conoscenza della materia è essenzialmente mirata a garantire un sufficiente supporto teorico a tutti i corsi pratici.
Il corso è costituito da volumi, che hanno come obiettivo l’apprendimento e l’applicazione pratica di ogni singolo argomento. L’efficacia di questo metodo è stata da me testata in oltre otto anni di lezioni dove ho potuto, dalla prima stesura, effettuare numerose correzioni in base alle esperienze ed alle esigenze della didattica moderna.
L’allievo che avrà già precedentemente affrontato studi di questo tipo verrà sottoposto a un test atto a verificare la sua preparazione teorica, e rendendo dunque possibile la formazione di un piano di studio ad hoc.
Durante lo svolgimento del corso sono previsti, periodicamente, test di verifica, che possono segnalare a ciascun allievo gli argomenti che eventualmente necessiteranno di essere rivisti e ripassati.
Il corso di teoria si esaurisce in sole 11 lezioni, lasciando, subito dopo, il posto all’approfondimento dell’armonia, che occuperà la restante parte del programma. Lo studio dell’armonia non sarà di concezione classica, bensì approfondirà quelle che sono le tematiche riscontrate nella maggior parte degli stili musicali moderni (pop, rock, funk, blues, jazz ecc..).
Con queste poche righe desidero ringraziare il M° Giorgio Gaslini e il M° Alberto Mandarini per i preziosi consigli e per avermi incoraggiato alla pubblicazione. Desidero inoltre ringraziare il M° Claudio Saveriano e il M° Luigi Ranghino della scuola 'Centro Vercelli Musica' per utilizzare questo metodo come testo di riferimento nelle lezioni teoriche presso la stessa. Un ringraziamento speciale va a mia sorella Cinzia che mi ha aiutato nella stesura dei testi, e ai miei allievi che hanno inconsciamente contribuito alla stesura.

 
Lettera di commento di Giorgio Gaslini
 
Caro Roberto Seccamani,
la ringrazio della sua del 7 - 1 - 03 con il suo “metodo”.
Alla lettura dello stesso, trovo un lavoro rigoroso, chiarissimo, utile per la intelligente progressione di nozioni ed esercizi.
Anche se più pragmatico che teorico, questo è ciò che serve a un giovane per partire bene.
È quindi libro da proporre a un buon editore italiano, anche perché lo stile che il suo lavoro propone è afferente proprio italiano, a differenza di quel freddo tipo di catalogo USA che, anziché essere pratico, rivela una mentalità di funzionalità mercantile.
Complimenti per il suo buon lavoro e auguri per il seguito.
 
Cordialmente Giorgio Gaslini

Milano, 16 Gennaio 2003
 

 

Piano dell'opera
NOTAZIONE DEL TEMPO n. 1
• Test di verifica preparazione
Lezione 1: Principali concetti della grammatica musicale
Caratteri del suono, ritmo, principali figure ritmiche, unità di tempo (battere e levare),primo
solfeggio ritmico.
Lezione 2: Misure semplici e notazione del tempo
Metri, tempo tagliato, uso di diverse unità di tempo, legatura e punto.

 
L’ALFABETO MUSICALE (prime lezioni)
Lezione 3: Il pentagramma, le chiavi e l’alfabeto musicale
Il pentagramma, sguardo su tutte le chiavi, imparare a disegnare chiave di violino e di basso,
riconoscimento altezza delle note nelle due chiavi, e siglatura anglosassone.
Lezione 4: Scala naturale, introduzione al riconoscimento degli intervalli
Scala naturale, riconoscimento numerico intervalli
Lezione 5: Tono, semitono e costruzione scala maggiore
Tono, semitono, bemolle diesis e bequadro, enarmonia, scala maggiore

 
LA TONALITA'
Lezione 6: La tonalità
Che cos’é la tonalità, alterazioni permanenti e momentanee, armatura di chiave,
introduzione all’ear training.
Lezione 7: Il circolo delle quinte, tonalità bemolli (prima parte)
Circolo delle quinte, come ricavare le tonalità bemolli.
Lezione 8: Il circolo delle quinte, tonalità diesis (seconda parte)
Circolo delle quinte, come ricavare le tonalità diesis.

 
NOTAZIONE DEL TEMPO n. 2
Lezione 9: Le cellule ritmiche
Riconoscimento delle principali cellule ritmiche, imparare a riordinare ritmicamente una
battuta.
Lezione 10: La terzina
Terzina di ottavi, di quarti, di sedicesimi e cellule ritmiche utilizzando la terzina.
Lezione 11 I metri irregolari e il tempo composto
Metri irregolari 5/4, 7/4 ecc.
Tempi composti 6/8, 9/8 ecc.
• Primo test di verifica
ACCORDI n. 1 (imparare a costruirli)
Lezione 12: Classificazione degli intervalli (1ª parte)
Intervalli naturali e alterati, riconoscimento di un intervallo usando i semitoni
Lezione 13: Classificazione degli intervalli (2ª parte)
Riconoscimento di un intervallo usando la tonalità.
Lezione 14: Le triadi (1ª parte)
Costruzione delle triadi, corretta siglatura.
Lezione 15: Le triadi (2ª parte)
Rivolti, armonizzazione della scala maggiore (utilizzando le triadi).

 
ACCORDI n. 2 (iniziare a capirli)
Lezione 16: Come si costruisce il voicing di un accordo, e un voice leading
Che cos’é un voicing, breve descrizione sulla conduzione delle parti, parti strette e parti late.
Lezione 17: Accordi principali e sostituti diatonici
Accordi principali, spiegazione tensioni, formazione famiglie (tonica, sottodominante e
dominante),
sostituti diatonici
Lezione 18: Accordi di settima
Costruzione accordi di settima, armonizzazione scala maggiore utilizzando le settime,
classificazione delle quattro specie principali, corretta siglatura.
Lezione 19: Centro tonale (key center)
Che cos’é, e come trovarlo.

 
SCALE MINORI
Lezione 20 Scala minore naturale
Costruzione, e confronto con la scala maggiore
Lezione 21 Scale pentatoniche e scala blues
Costruzione: scale pentatoniche; minore e maggiore, scala blues
Lezione 22 Scala minore armonica e armonizzazione delle scale minori, naturale e armonica
Costruzione scala minore armonica e armonizzazione, armonizzazione scala minore naturale
Descrizione specie di accordi ottenuti dalle nuove armonizzazioni,
Centri tonali nelle progressioni minori
Lezione 23 Scala minore melodica e scala dorica
Costruzione scala minore melodica, e dorica, armonizzazione scala minore melodica
Raffronto fra le varie scale minori
• Secondo test di verifica

 
MODULAZIONI
Lezione 24 Modal interchange e armonia blues
Scale parallele, modal interchange
Armonia e struttura di base nel blues
Lezione 25 Dominanti secondarie (secondary dominants)
Ricerca e analisi delle dominanti secondarie
Lezione 26 Modulazione diretta e pivot chord
Che cosa è una modulazione diretta, modulazione utilizzando il pivot chord

 
COSTRUZIONE DEI MODI E DELLE PRINCIPALI SCALE ALTERATE
Lezione 27 Sostituzione di tritono (flat five substitution)
Che cos’é la sostituzione di tritono - applicazione con le dominanti secondarie
Lezione 28 I modi
Costruzione dei 7 modi derivati dalla scala maggiore - applicazione
Lezione 29 Costruzione delle scale alterate e loro utilizzo
Scala alterata, lydian dominant - scala minore melodica, lydian aug., locrian #2.
Lezione 30 Accordi di settima diminuita e scale simmetriche
Accordi diminuiti - scala diminuita - scala toni interi o esatonale

 
Decimo volume:
ACCORDI n. 3 (Imparare a conoscerli proprio tutti e a siglarli
correttamente)

Lezione 31 Estensioni negli accordi di settima
Che cosa sono le estensioni, come scrivere le estensioni negli accordi di settima
Lezione 32 Accordi alterati e altri tipi di accordo
Accordi alterati, accordi sospesi (sus), power chords, slash chords, polychords ecc..
Lezione 33 Accordi: come siglarli correttamente
Siglatura corretta di tutti gli accordi, e raffronto con le siglature più usate
• Test di fine corso